Menu Principale



Prega Online

Siti Amici

Archivio Articoli

TI APPARTENGO

Gifraevento Adolescenti - Cortona (AR) 23-27 luglio 2014

"Vivere è servire, se no a che serve vivere?"
Questa la frase sulla maglietta degli animatori del convegno nazionale Gi.Fra d'Italia adolescenti 2014: il servizio è stato infatti il tema centrale di questi cinque giorni. Nonostante gli stereotipi che la nostra società ci offre, frati e animatori sono riusciti a farci capire la bellezza e l'importanza del "servizio" che a prima vista può sembrarci da evitare poiché spesso scomodo, ma che a lungo andare riempie il cuore di gioia. 

È arrivato chiaro il messaggio a quattrocento gifrini da tutta Italia che non sono gli oggetti a riempire il cuore, diversamente da come noi adolescenti siamo spesso portati a credere. Pensiamo sia stata un'emozione molto forte per coloro che ci hanno parlato del servizio vedere come le loro parole ci abbiano letteralmente toccato il cuore! Tra pianti, abbracci, commozioni ed occhi lucidi abbiamo ben compreso che per servire dobbiamo avere il coraggio di essere gli ultimi, scendere dal nostro piedistallo, ed essere pronti ad affrontare le prove della vita. Infatti il cuore che sa servire si apre alla bellezza dell'altro e servire rende liberi: nonostante cinque giorni possano sembrare pochi siamo riusciti a vivere appieno quest'esperienza e ciò che ci è stato proposto ci rimarrà scolpito dentro. Precedenti a questi cinque giorni di nazionale sono stati i due giorni e mezzo di regionale: un campo atipico data la calorosa compagnia di alcuni ragazzi rumeni della GiFra di Onesti (Romania). Molto significativa e' stata anche la camminata che abbiamo fatto per raggiungere le Celle di Cortona : difficile nascondere lo sforzo e la fatica ma senza dubbio ci ha permesso di entrare al meglio nella tematica del giorno e sia di trascorrere bei momenti in compagnia sia di trovare il modo di riflettere su noi stessi immersi nella natura.

Arianna & Camilla ( Montughi)


Condividi:

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Commenti: