Menu Principale



Prega Online

Siti Amici

Archivio Articoli

Come il chicco di grano...

Rubrica "Parola Viva"  -  Il commento al Vangelo della domenica a cura dei gifrini!

a cura della fraternità di Livorno

V DOMENICA DI QUARESIMA (ANNO B)

Dal Vangelo secondo Giovanni 12, 20 - 33

In quel tempo, tra quelli che erano saliti per il culto durante la festa c’erano anche alcuni Greci. Questi si avvicinarono a Filippo, che era di Betsàida di Galilea, e gli domandarono: «Signore, vogliamo vedere Gesù». 
Filippo andò a dirlo ad Andrea, e poi Andrea e Filippo andarono a dirlo a Gesù. Gesù rispose loro: «È venuta l’ora che il Figlio dell’uomo sia glorificato. In verità, in verità io vi dico: se il chicco di grano, caduto in terra, non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto. Chi ama la propria vita, la perde e chi odia la propria vita in questo mondo, la conserverà per la vita eterna. Se uno mi vuole servire, mi segua, e dove sono io, là sarà anche il mio servitore. Se uno serve me, il Padre lo onorerà. Adesso l’anima mia è turbata; che cosa dirò? Padre, salvami da quest’ora? Ma proprio per questo sono giunto a quest’ora! Padre, glorifica il tuo nome». 
Venne allora una voce dal cielo: «L’ho glorificato e lo glorificherò ancora!».
La folla, che era presente e aveva udito, diceva che era stato un tuono. Altri dicevano: «Un angelo gli ha parlato». Disse Gesù: «Questa voce non è venuta per me, ma per voi. Ora è il giudizio di questo mondo; ora il principe di questo mondo sarà gettato fuori. E io, quando sarò innalzato da terra, attirerò tutti a me». Diceva questo per indicare di quale morte doveva morire.

Siamo sicuri che anche noi, come i Greci, vogliamo vedere Gesù, vogliamo incontrarlo, ascoltare le sue parole? Siamo pronti alle sue risposte disarmanti? Gesù si presenta a noi rimandandoci all’immagine di un chicco di grano, che se non muore rimane solo, mentre, al contrario, se muore porta molto frutto. Ma attenzione a non cadere nella tentazione di fermare la nostra riflessione solo alla “morte” e “non morte”: il nostro sguardo deve andare oltre, il nostro pensiero deve soffermarsi sul portare frutto. Gesù chiama gli apostoli a seguirlo, i Greci ad avvicinarsi, ma dove? Ai piedi della Croce, dove apparentemente si consuma il fallimento di un uomo che soccombe alla morte e dove in realtà si manifesta tutta la gloria e l’amore di Gesù, che dona definitivamente la sua vita per tutti noi.
Anche, noi come gli apostoli e tutti gli altri, ai piedi della croce comprenderemo allora chi è quel chicco di grano che morendo porterà molto frutto.

Condividi:

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Commenti: