Menu Principale



Prega Online

Siti Amici

Archivio Articoli

La salvezza ... una luce colorata!

Rubrica "Parola Viva"  -  Il commento al Vangelo della domenica a cura dei gifrini!

a cura della fraternità di Cortona

SANTISSIMA TRINITA' (ANNO A)

Dal Vangelo secondo Giovanni 3,16-18

In quel tempo, disse Gesù a Nicodèmo: 
«Dio ha tanto amato il mondo da dare il Figlio, unigenito, perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna. 
Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui. 
Chi crede in lui non è condannato; ma chi non crede è già stato condannato, perché non ha creduto nel nome dell’unigenito Figlio di Dio».

 

 

 

Ad una settimana dalla Promessa della nostra fraternità di Cortona, abbiamo dato spazio come consiglio ai nuovi promessi. La lettura e meditazione del Vangelo cosa gli avrà ispirato?

 

BEATRICE:

“Il mondo sarà salvato per mezzo di Lui”… Mi piace molto questa cosa, perché riflette l’immensità e unicità di Dio,che allo stesso tempo ci lascia liberi,donandoci amore per mezzo dei nostri fratelli.

Liberi di scegliere i suoi insegnamenti o meno (ovviamente).

 

MARGHERITA:

Leggendo questo Vangelo, mi sono sentita fortunata,perché Dio ha donato il Figlio per noi,per donarci la vita eterna e perché non ci perdessimo.

Mi ha fatto ripensare alla scorsa domenica,giorno della promessa… Credo che sia stato un forte momento, in cui mi sono sentita vicino a Lui,anziché persa.

 

GIOVANNI:

Nel vangelo di questa domenica Gesù si fa vicino a noi uomini affermando che " il Padre ha tanto amato il mondo da mandare il figlio unigenito, perché chiunque creda in Lui non vada perduto". Soffermandoci su questa frase, possiamo capire due cose importanti: la prima è quella che bisogna essere consapevoli di avere un Padre che ci ama tanto e che, come ogni buon papà vuole che seguiamo la strada che lui ogni giorno ci prepara affinché arriviamo a compiere il disegno che lui ha per noi. La seconda cosa importante da capire è quella che Dio per farsi prossimo all'uomo, ha mandato il suo figlio unigenito come guida per l'umanità affinché nessuno vada perduto. E' infatti nel progetto di Dio salvare tutti i suoi figli. Concludendo, è importante quindi avere fede e credere in Lui per essere salvati e gioire nel regno di Dio.

 

DANIELE:

Se anche soltanto, per un attimo, riuscissimo a comprendere quanto grande e profondo sia l’amore di Dio per noi,la vita di ciascuno si riempirebbe di una gioia talmente immensa, da bastare per la vita intera.

 

CHIARA:

Mi piace pensare che ogni persona ha un proprio colore,una tonalità,la cui luce trapela lungo i contorni. Una specie di alone più o meno luminoso,come figure viste controluce.

Una persona che affida la sua vita a Dio, si percepisce subito: si vede da lontano, brilla della gioia dei suoi colori. Invece le persone che non credono o non si affidano del tutto a Dio,rimangono opache, spente; ma basta che provino ad affidarsi alla luce del Signore, che anche queste pian piano si accendono di luce.

Tutti abbiamo i colori, sta a noi illuminare la nostra vita con la Parola del Signore, così che gli altri possano percepirla.

Condividi:

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Commenti: