Menu Principale



Prega Online

Siti Amici

Archivio Articoli

Gesù risorto e asceso al cielo è il legame tra storia e regno eterno

Rubrica "Parola Viva"  -  Il commento al Vangelo della domenica a cura dei gifrini!

a cura della fraternità di San Romano

ASCENSIONE DEL SIGNORE (ANNO A)

Dal Vangelo secondo Matteo 28, 16-20

In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte che Gesù aveva loro indicato. 
Quando lo videro, si prostrarono. Essi però dubitarono. Gesù si avvicinò e disse loro: «A me è stato dato ogni potere in cielo e sulla terra. Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro a osservare tutto ciò che vi ho comandato. Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo».

 

Gesù risorto e asceso al cielo è il legame tra STORIA e REGNO ETERNO.

(pausa effetto per rileggere il suddetto titolo perché è alquanto sconvolgente, almeno per me..)

Gesù risorto e asceso al cielo è il legame tra la nostra storia personale e il regno eterno.
La Terra non è più lontana dal Cielo
e Gesù resta sempre il compagno di cammino dell'umanità.
Gesù ci invia verso i confini del mondo e rimane in mezzo a noi: presente e nascosto, silenzioso e festante.

VEDERE Dio “presente e nascosto”
Paolo in Ef 1, 17-19 intercede per i cristiani di Efeso affinché si illuminino gli “occhi del cuore” per  conoscere profondamente Dio e la speranza a cui ci ha chiamati. Paolo chiarisce la situazione.

Contemplare Dio non è: estraniarsi dal mondo e vedere chissà che robe, avere visioni o vedere il volto di Dio.
Contemplare Dio è la capacità del cuore che si acquisisce di: guardare se stessi, gli altri e gli eventi con gli occhi di Dio, ovvero avere lo sguardo di Dio. Il Cristiano che si sforza di assumere lo sguardo e di leggere se stesso, gli altri e gli eventi come Dio ci vede. Nella nostra vita, vedere Dio è “avere lo sguardo di Dio”.
un grande aiuto alla comprensione delle piccole e strane parole che ho scritto:

https://gloria.tv/video/bKFGyYTUWZou3xh3o2bkrWymT (UOMINI DI DIO – primo tempo)

https://gloria.tv/language/LWuifGHdzSMu3RbWvem4B68Dj/video/4sucmPraFQqY67uHpBymYt4CJ (UOMINI DI DIO – secondo tempo)


SENTIRE Dio “silenzioso e festante”
Conosciamo il silenzio di Dio (perché ti nascondi?), anche Santa Teresa di Calcutta ce ne parla.
Ma senza dubbio ci sono i momenti in cui possiamo percepire Dio: la bellezza della creato è tangibile ed è buona (a dire di Dio e così crediamo); nelle celebrazioni, nella musica; la fede unisce e crea una compagnia di cammino e non viene da niente, ma ha una fonte. Il Dio silenzioso è un Dio che parla e che si rivela e vuole che anche noi diveniamo testimoni per gli altri. Dio è silenzioso, ma non rimaniamo sordi.
un grande aiuto alla comprensione delle piccole e strane parole che ho scritto: il film SILENCE (non posso, ma comunico il torrent
http://www.italianopentorrent.com/film/Silence.php)


INVIATI verso i confini del mondo

Gesù ci ha detto di essere il Buon Pastore, di essere la Porta delle pecore, di essere la Via, la Verità e la Vita. In primis cerchiamo allora di convertirci sempre più al Vangelo nel Battesimo, inoltre come Francescani siamo fattivamente chiamati a: incontrare Dio in ogni uomo e far incontrare Dio ad ogni uomo.
In ogni cuore umano c'è la sete di Dio, ovvero la sete di infinito: l'uomo vuole aumentare lo spessore della vita. Lo Spirito comunica facendo risuonare il cuore di tutti, di noi  stessi e del prossimo.

Seguiamo questa missione personale che lo Spirito ci suggerisce, donandoci “quanto abbiamo stabilito nel nostro cuore, né con tristezza né per forza, perché Dio ama chi dona con gioia”. Potremo essere testimoni nella nostra vita, per amore e per fedeltà di una bellezza che continuamente ci porta a dire “voglio stare con Te in questo modo” e che ci può sospingere ovunque perché lo Spirito guida se siamo disponibili (At 1,4-8) e soffia nemmeno lui sa come né dove.
Preghiamo il Signore perché ci aiuti a capire la sua presenza, ci aiuti ad essere pieni della sua rivelazione, e per aiutarci l'uno l'altro nella compagnia nel trovare Vita nella vita.

Emidio

Condividi:

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Commenti: