Menu Principale



Prega Online

Siti Amici

Archivio Articoli

Lo stupore della Vita

Rubrica "Parola Viva"  -  Il commento al Vangelo della domenica a cura dei gifrini!

a cura di Fra Matteo Tosti

SANTA PASQUA (ANNO A)

Dal Vangelo secondo Matteo 28,1-10

Dopo il sabato, all’alba del primo giorno della settimana, Maria di Màgdala e l’altra Maria andarono a visitare la tomba. 

Ed ecco, vi fu un gran terremoto. Un angelo del Signore, infatti, sceso dal cielo, si avvicinò, rotolò la pietra e si pose a sedere su di essa. Il suo aspetto era come folgore e il suo vestito bianco come neve. Per lo spavento che ebbero di lui, le guardie furono scosse e rimasero come morte. 

L’angelo disse alle donne: «Voi non abbiate paura! So che cercate Gesù, il crocifisso. Non è qui. È risorto, infatti, come aveva detto; venite, guardate il luogo dove era stato deposto. Presto, andate a dire ai suoi discepoli: “È risorto dai morti, ed ecco, vi precede in Galilea; là lo vedrete”. Ecco, io ve l’ho detto». 

Abbandonato in fretta il sepolcro con timore e gioia grande, le donne corsero a dare l’annuncio ai suoi discepoli. 

Ed ecco, Gesù venne loro incontro e disse: «Salute a voi!». Ed esse si avvicinarono, gli abbracciarono i piedi e lo adorarono. Allora Gesù disse loro: «Non temete; andate ad annunciare ai miei fratelli che vadano in Galilea: là mi vedranno».

È Pasqua! La morte è stata sconfitta!

La liturgia oggi ci invita ad esultare, a rallegrarci, perché quello che mai occhio vide né orecchio udì, Oggi è accaduto.

Il segno di questo avvenimento che ha sconvolto la storia dell’uomo è una tomba vuota. Il sepolcro aperto…

Il Vangelo ci dice che Maria di Magdala va al sepolcro per onorare la tomba di Gesù, ma vede che la pietra era stata tolta dal sepolcro. Sembra non aver fatto altro…ha solo visto una tomba aperta. Ed inizia la prima corsa: quella verso i discepoli. Maria si sarà spaventata di fronte a questo fatto e corre, pensando che il corpo di Gesù sia stato portato via.

Ed ecco che a correre ora sono in due: Giovanni e Pietro. Uno arriva prima, l’altro dopo, ma entrambi corrono per andare a vedere. Cosa è successo al corpo di Gesù? Chi l’ha portato via? Perché hanno fatto questo?

Ma ciò che si nasconde dietro l’apparenza di un furto è ben altro.

Ciò che si cela dietro alla pietra del sepolcro, infatti, non è la morte ma la Vita!

L’uomo ucciso appeso alla Croce ha mantenuto la Promessa: è risorto!

Proprio così: Gesù mantiene la promessa che fa con te!

“Può essere davvero che tutto quello che Gesù ci diceva sia vero? Può essere che questi anni vissuti insieme abbiano un senso e non siano rinchiusi in una tomba? Forse le cose bellissime che ho sperimentato e visto non sono solo un sogno…” Forse avranno pensato questo i discepoli (forse è quello che pensi anche te della tua storia), increduli, stupiti, impauriti e meravigliati, si trovano a vedere una cosa mai vista…eppure in quel momento si fa presente una nuova strana emozione: la gioia!

“Allora è possibile…non ho buttato via il mio tempo, non ho sprecato forze ed energie…il Signore ha mantenuto la Promessa!”

Sì! Il Signore ha mantenuto la Promessa! La sua vita non è chiusa in una tomba e neanche la tua!

Ciò che sperimenti nella tua quotidianità non muore…è vero…il Signore mantiene la Promessa!

Quella Promessa di felicità e di pace esiste! È anche per te!

Lasciati stupire! Lasciati sorprendere! Lascia che la sorpresa di oggi non sia quello dell’uovo di cioccolata ma quella della vita nuova! Il Signore fa un patto con te che si realizza, che vive, che dona gioia!

Rallegrati ed esulta! La tua vita ha valore e non è sprecata!

Inizia anche te a correre: corri verso la tomba vuota, non avere paura di ciò che contiene il tuo sepolcro, pensi che ci sia la morte e invece trovi Cristo che S rende vivo: il Salvatore viene a guarire e a ridonare la vita! Corri verso i tuoi fratelli: “un fatto sconvolgente mi ha cambiato la vita! Ciò che credevo morto in me è vita in Cristo!”

Che il Signore Risorto ci conduca verso di Lui perché possiamo condurre altri a Lui! Buona Pasqua!

Matteo

Condividi:

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Commenti: