Menu Principale



Prega Online

Siti Amici

Archivio Articoli

Buonissimo Te!

Gli Araldinions sbarcano a Siena

Domenica 25 Ottobre a Siena presso la Basilica dell’Osservanza 30 araldini provenienti da tutta la Toscana hanno potuto vivere un’esperienza unica nella loro vita: assistere ad un vero e proprio viaggio nel tempo! Eh sì perché grazie alla innovativa macchina del tempo progettata e costruita da Piero Angela è stato possibile far venire da varie epoche del passato fino ai giorni nostri gli Araldinions, lontani antenati degli araldini i quali, a differenza dei più famosi cugini minions, hanno incentrato la loro vita alla ricerca del più buonissimo.

 

È così che gli araldini  hanno potuto conoscere personaggi come Noè, San Pietro, Santa Chiara, San Francesco, Santa Caterina, San Bernardino e Madre Teresa di Calcutta e con il loro esempio e le loro storie aiutare gli Araldinions a trovare e servire il più buonissimo di tutti: Dio. Chi ha vissuto in prima persona questa esperienza ci racconta: “Sono contenta di aver rivisto tutti i bambini che erano al campo regionale e di aver trascorso un’altra giornata tutti insieme. Mi è piaciuto molto quando abbiamo condiviso il nostro pranzo con gli altri. Le emozioni che mi sono portata a casa sono: Gioia, Felicità e voglia di raccontare la giornata ai miei genitori! “ (Chiara). E ancora: “è stata una bella giornata e mi sono piaciute molto le attività che sono state molto divertenti! È stato molto bello incontrare di nuovo animatori e bambini delle altre fraternità regionali e spero che si possano vivere più spesso altre giornate come queste. È stato fantastico incontrare gli Araldinions che ci hanno fatto conoscere dei buonissimi che sono per noi, piccoli araldi del Signore, una guida e un grande esempio per arrivare al vero Buonissimo, poichè seguire il buon esempio ci rende migliori!” (Camilla). Ma anche gli animatori vogliono fare la loro parte e dire la sua: “è difficile raccontare a parole queste splendide emozioni, è un qualcosa di troppo speciale. Questi bambini trasmettono un energia infinita che ti dà voglia di dare sempre più giorno dopo giorno. Spesso sottovalutiamo molto questi fanciulli che con la loro semplicità ci danno un esempio grandissimo” (Luca).

La cosa più bella della giornata di domenica è stato vedere come si siano rivisti tutti i muri abbattuti, i colori, l’immersione e gli incastri perfetti costruiti durante il campo regionale di settembre, come quel legame che si è creato tra tutti gli araldini e gli animatori non abbia subito alcuna modificazione, se non per accogliere ed integrare in questa unione tutti coloro che non hanno partecipato all’esperienza del campo, ma che hanno preso parte alla giornata di domenica. Gli araldini sono i più piccoli della famiglia francescana, ma ciò nonostante sono la più grande fonte di gioia e di amore che possiamo mai incontrare e visto e provato tutto l’entusiasmo che nella giornata regionale hanno sprigionato ritengo che, se andassimo adesso alla Basilica dell’Osservanza, potremmo sentirne ancora la presenza!

 

 

Condividi:

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Commenti: