Menu Principale



Prega Online

Siti Amici

Archivio Articoli

Parlare lingue diverse

Rubrica "Parola Viva" - Il commento al Vangelo della domenica a cura dei gifrini

a cura della fraternità di Cortona "Santa Margherita"

Solennità di Pentecoste

 

Dal Vangelo secondo Giovanni 15,26-27.16,12-15. 
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Quando verrà il Consolatore che io vi manderò dal Padre, lo Spirito di verità che procede dal Padre, egli mi renderà testimonianza; 
e anche voi mi renderete testimonianza, perché siete stati con me fin dal principio. 
Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso. 
Quando però verrà lo Spirito di verità, egli vi guiderà alla verità tutta intera, perché non parlerà da sé, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annunzierà le cose future. 
Egli mi glorificherà, perché prenderà del mio e ve l'annunzierà. 
Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà del mio e ve l'annunzierà». 

La festa di Pentecoste è molto importante per noi cristiani e può darci tanti insegnamenti e spunti di riflessione, specialmente per chi vive la Fede insieme ad una fraternità. Lo Spirito Santo, infatti, non scende ad una singola persona, ma una comunità intera (quella degli Apostoli) che è riunita insieme a Maria, prima testimone della Sua potenza concreta.

Nella nostra fraternità di Cortona, per prepararci alla promessa, abbiamo cominciato la settimana di vita fraterna con una Lectio Divina proprio su questo Vangelo. Il brano ci ha seguito per tutto il tempo del ritiro: lo abbiamo letto individualmente, commentato e condiviso. Pur essendo tutti diversi, alcuni elementi hanno accomunato la nostra riflessione:

-il peso della Verità ci viene rivelato mano a mano: quanto ci pesa non sapere tutto e subito! Noi vorremmo essere Dio e Gesù lo sa! Per questo, da bravo pedagogo, lo Spirito ci rivela ogni cosa pian piano; ci prepara il cuore e, se noi glielo permettiamo, arriva come Verità improvvisa o come sana inquietudine;

-il protagonista di questo Vangelo è la relazione: tutto passa nella relazione tra il Padre il Figlio e lo Spirito Santo. Nessuno fa le cose da solo. L'Amore Grande parte dalla relazione.

In fondo la Solennità della Pentecoste è questo: parlare lingue diverse ma capirsi comunque! Ognuno è diverso e parla una propria lingua: nella Chiesa impariamo a relazionarci imparando il linguaggio dell'altro e cercando di capire il nostro.

Condividi:

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Commenti: