Menu Principale



Prega Online

Siti Amici

Archivio Articoli

Adesso tocca a noi

Rubrica "Parola Viva" - Il commento al Vangelo della domenica a cura dei gifrini!


a cura della fraternità di Lucignano (AR)


Ascensione del Signore

Dal Vangelo secondo Marco 16,15-20. 
In quel tempo Gesù apparve agli Undici e disse loro: «Andate in tutto il mondo e predicate il vangelo ad ogni creatura.» 
Chi crederà e sarà battezzato sarà salvo, ma chi non crederà sarà condannato. 
E questi saranno i segni che accompagneranno quelli che credono: nel mio nome scacceranno i demòni, parleranno lingue nuove, 
prenderanno in mano i serpenti e, se berranno qualche veleno, non recherà loro danno, imporranno le mani ai malati e questi guariranno». 
Il Signore Gesù, dopo aver parlato con loro, fu assunto in cielo e sedette alla destra di Dio. 
Allora essi partirono e predicarono dappertutto, mentre il Signore operava insieme con loro e confermava la parola con i prodigi che l'accompagnavano.

 

Ascensione del Signore, Della Robbia, Basilica La Verna (AR)

 

Il Signore Gesù, dopo aver parlato con loro, fu assunto in cielo e sedette alla destra di Dio”,  può  sembrare  quasi che Gesù, con l’Ascensione,  concluda  l’azione terrena, ma in realtà dà inizio all'azione  della Chiesa poiché adesso tocca agli undici portare nel mondo la parola del Padre camminando tra le genti per tutto il mondo. Anche noi, avendo detto il nostro sì, siamo stati chiamati a compiere questa missione, come singoli e come fraternità. Dobbiamo ricordarci però che infondo siamo tutti, credenti e non, un po’ come San Tommaso Apostolo e non ci fidiamo se non di quello che vediamo e possiamo toccare con mano; è proprio per questo che nel Vangelo leggiamo in più di una occasione di Gesù che ci esorta a dare segno della Parola con gesta.

Lo stesso San Francesco ha fatto sue queste parole e metteva in gioco questa straordinaria accoppiata non solo con i non credenti, ma anche con i suoi fratelli frati e tutti gli altri battezzati. Gesù in questo giorno è stato assunto in cielo, ma non per questo ci ha abbandonati. Come si può vedere in questo passo Lui, nonostante sieda alla destra del Padre, non si è scordato di coloro a cui ha affidato la missione e li accompagna operando insieme a loro e confermando la parola con i prodigi che l’accompagnavano. Cristo è sempre con noi e solamente se parliamo e operiamo nel suo nome, seguendo la sua volontà potremo far attecchire un seme che darà frutto, perché se non operiamo in sinergia con Lui ogni nostro tentativo di evangelizzazione non porterà altro che zizzania.

Adesso è il nostro turno di uscire fuori, non possiamo più rimanere chiusi all'interno delle quattro mura che ci circondano e ci proteggono, poiché il servizio che il Signore ci ha chiesto di eseguire richiede di andare in mezzo a tutte le creature che di certo non troveremo  se ci ostiniamo a restare fermi sul nostro posto. 

Condividi:

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Commenti: